Bruxelles (Belgio), 18 maggio 2021 - Tra i maggiori produttori mondiali di pannelli in derivati del legno, Norbord produce ogni giorno oltre 1.200 metri quadrati di pannelli OSB presso la sede di Genk. Gli operatori della logistica applicano ogni giorno 1.400 etichette ai pallet per gestire pannelli e stock di magazzino. Presso la sede belga di Norbord, tale processo è stato recentemente automatizzato con un'etichettatrice industriale Zetes e il software di identificazione ZetesAtlas.

Applicazione e scansione di 1.400 etichette ogni giorno

Terminata la produzione, i pannelli Norbord vengono posti su pallet e avvolti con una pellicola protettiva. Le informazioni sui pallet, sui pannelli OSB e sulla relativa posizione di magazzino sono memorizzate nel sistema ERP. Il sistema stampa inoltre le etichette da applicare ai rispettivi pallet e scansionare. In precedenza, tali etichette venivano stampate in anticipo, per poi essere applicate in un momento successivo dagli operatori, che dovevano, per ogni pallet, lasciare la cabina del carrello elevatore per applicare le etichette ed eseguirne la scansione.

Per automatizzare il processo, Norbord ha scelto ZetesAtlas, una soluzione integrata di identificazione e serializzazione. Dopo l'avvolgimento del pallet, la macchina applica l'etichetta, sempre nello stesso punto, e acquisisce automaticamente il codice a barre riportante posizione di magazzino e numero di lotto. ZetesAtlas si assicura che il pallet venga correttamente visualizzato nel software di gestione del magazzino Norbord. L'operatore del carrello elevatore inserisce le posizioni di magazzino una sola volta a inizio turno. Eseguita la scansione del pallet, l'operatore lo trasporta nel luogo previsto del magazzino, che occupa un'area di circa 40.000 metri quadrati.

L'automazione migliora la sicurezza e riduce gli errori

Grazie all'automazione, gli operatori dei carrelli elevatori non devono più uscire dalla cabina per applicare e acquisire le etichette. Ciò migliora anche notevolmente la sicurezza, eliminando il rischio di caduta ogni volta che l'operatore esce o entra nella cabina.

"La differenza da quando abbiamo implementato il progetto con Zetes è enorme", afferma Steven Brouillard, Department Manager Finishing End Operations presso Norbord. "Risparmiamo tempo, siamo più efficienti e compiamo meno errori di scansione. Stavamo progettando una seconda linea di produzione. Grazie a ZetesAtlas, ora lavoriamo con una linea aggiuntiva ma con lo stesso team.  La nuova soluzione è arrivata proprio al momento giusto".

Un nuovo modo di lavorare con ZetesAtlas

"Non è facile integrare macchine industriali nei software ERP o WMS", afferma Stefan Nysen, Systems Developer presso Norbord. "Nel nostro caso il processo è riuscito senza problemi grazie all'ottima collaborazione instauratasi tra i nostri team di ingegneri e IT da un lato e Zetes dall'altro. Anziché operare singolarmente, in un angolo remoto del magazzino, la nostra macchina è completamente integrata nei nostri processi grazie al software di identificazione ZetesAtlas.”

Consegna rapida

"Stavamo progettando una seconda linea di produzione. Grazie a ZetesAtlas, ora lavoriamo con una linea aggiuntiva ma con lo stesso team.” Steven Brouillard, Department Manager Finishing End Operations presso Norbord

Steven Brouillard conclude: "Zetes ci ha positivamente colpiti per l'approccio molto professionale. Abbiamo avviato il progetto a marzo 2019 con il primo contatto e sei mesi dopo le nostre due macchine funzionavano già a pieno ritmo. Apprezziamo inoltre il fatto di poter chiamare Zetes ogni volta che occorre. A posteriori, ci chiediamo perché abbiamo aspettato così a lungo".

- FINE -

Chi è Norbord

Norbord Inc. è un importante produttore globale di pannelli in derivati del legno e il principale produttore mondiale di pannelli OSB. L'azienda vanta 2.400 dipendenti in 17 sedi negli Stati Uniti, in Canada e in Europa. In Belgio opera una filiale a Genk che conta 125 dipendenti, presso la quale, produce 1.200 metri quadrati di pannelli al giorno.

Modular Content

Leggi il case study